L'assicurazione sanitaria a rimborso

Tra le quattro tipologie, l'assicurazione sanitaria a rimborso è quella che offre le più ampie possibilità di personalizzazione. Le ipotesi di copertura sono davvero numerose, ponendo in essere una teorica copertura totale. Ovviamente, ad un alta copertura corrisponde un premio più alto. Dunque è necessaria un'opportuna selezione affinché l'assicurazione non pesi nel bilancio familiare.

Ad ogni modo, ciò che differenzia l'assicurazione sanitaria a rimborso da quella indennitaria è l'assenza di una diaria (o indennità) e la possibilità di goderne i benefici anche in assenza di una qualsiasi forma di ricovero.

A sostituire la diaria è il rimborso delle spese effettuate per una gamma di prestazioni mediche (se precedentemente inserite nella polizza) quali: interventi chirurgici (ambulatoriali e non), ricoveri per malattie e/o infortuni, diagnostica.

Nel caso di utilizzo di strutture medice e istituti ospedalieri direttamente convenzionati con la compagnia assicurativa con cui il paziente ha stipulato la polizza, il rimborso è sostituito dalla gratuità delle prestazioni sotto copertura.

Tra le particolarità dell'assicurazione sanitaria a rimborso è d'uopo segnalare la possibilità di accedere a rimborso per spese legali, qualora il paziente decida di muovere causa contro privato o enti responsabili dell'infortunio o della malattia.

Un'altra particolarità è la possibilità di coprire anche spese speciali come quelle del viaggio del parente verso il luogo di degenza del paziente, il rimpatrio della salma in caso di decesso, spese per il parto e per l'assistenza del neonato per un periodo di tempo precedentemente stabilito.