L'assicurazione sanitaria per il viaggio: il caso di Spagna e Francia

Tra i problemi riscontrabili in un viaggio all'estero, quelli di salute sono tra i più difficili da gestire, poiché il cittadino italiano fuori dai confini deve rapportarsi ad un sistema sanitario diverso da quello del paese d'origine, e per caratteristiche di fondo e per accessibilità

Uno studio del 2011 condotto da Trade Marks informa che tra le mete turistiche preferite dagli italiani emergono, oltre gli Stati Uniti (il cui sistema sanitario è stato già trattato qui), la Spagna e la Francia

Entrambi - sono paesi appartenenti all'Unione Europea, dunque rientrano nella giurisdizione (sebbene con modalità diverse) della Tessera Sanitaria

Il cittadino italiano in Spagna che possiede una Tessera Sanitaria può accedere alle strutture della sanità pubblica spagnola in maniera gratuita o dietro pagamento di un ticket, alla strenua di un cittadino spagnolo. 

In alternativa, è possibile stipulare una polizza di assicurazione sanitaria privata direttamente in Spagna e riservata solo ai turisti o chi soggiorna per un tempo determinato: in quel caso le compagnie offrono servizi discreti a prezzi contenuti: si parte da 45 euro al mese.

Il cittadino italiano in Francia che possiede una Tessera Sanitaria può accedere, analogamente a quanto accade in Spagna, alle strutture della sanità pubblica francese. Le modalità di fruizione sono diverse: non si accede gratuitamente o dietro pagamento di un ticket, ma pagando la prestazione medica nella sua totalità. Solo successivamente il cittadino italiano avrà diritto ad un rimborso spese che potrà essere totale o parziale (in base al reddito). 

Se si decide di stipulare un'assicurazione sanitaria privata in Francia, è d'uopo essere consapevoli che i prezzi, rispetto alla Spagna - a parità di copertura e trattamento - sono in media del 10-15% più alti.