Assicurazione sanitaria all'estero: il paradosso degli Stati Uniti

Nell'ambito dei sistemi sanitari nazionali, gli Stati Uniti sono considerati come un grande paradosso. Una delle 'culle' delle democrazie e del diritto non riesce, infatti, a garantire alcuna forma di assistenza sanitaria per oltre 14 milioni di cittadini. 

Com'è possibile? Per rispondere è sufficiente fare qualche accenno al modello sanitaria USA. La particolarità della sanità a stelle e strisce è quella di essere un sistema sostanzialmente privato ma che beneficia, in certi casi, di finanziamenti pubblici. Lo scenario è dominato dalle compagnie assicurative private che gestiscono le spese sanitarie per ampie fasce della popolazione.

Le uniche fasce che possono fare riferimento allo stato sociale sono i nuclei familiari al di sotto della soglia di povertà e i cittadini al di sopra dei sessantacinque anni d'età. Il loro accesso a prestazione mediche è inquadrato in due servizi pubblici.

Il Medicare: un sistema universalistico poiché offerto a tutti gli ultra-sessantacinquenni, a prescindere dal reddito. E' gestito dall'amministrazione centrale. 

Il Medicaid: un sistema non universalistico poiché diretto solo alle persone considerate 'povere', generalmente al di sotto dei 20.000 dollari all'anno. la cifra può variare da stato a stato poiché il servizio è gestito dai singoli stati e non dal governo centrale. 

E' importante sottolineare che anche i servizi pubblici Medicare e Medicaid funzionano con il meccanismo delle 'assicurazioni sanitarie'. Semplicemente le compagnie assicurative sono statali e non private.

A questi due sistemi si aggiunge l'HMO (Health Maintenance Organization): esso è il contributo che l'azienda - in caso superi i 50 dipendenti - è dovuta per legge a versare per coprire i costi dell'assicurazione sanitaria ai propri dipendenti. Più l'azienda è grande più è alta la percentuale di copertura - questo è solo un dato empirico, la legge americana non si esprime in merito.

In definitiva, chi sono i 14 milioni di cittadini USA senza assistenza sanitaria? Semplice: quelli non abbastanza ricchi da pagarsela e non abbastanza poveri da accedere al Medicaid.

A chi viaggia negli Stati Uniti le ambasciate consigliano di stipulare un'assicurazione sanitaria a tempo determinato o 'da viaggio' (se il soggiorno non supera le sei settimane).